Sesso e Olimpiadi

preservativi

[di Jaume d’Urgell]

Mancano solo quattro giorni alla cerimonia inaugurale di queste Olimpiadi 2012 e sui giornali inizia a non parlarsi d’altro. Quali sono gli argomenti più gettonati? Uno sembrerebbe essere il sesso. Una nuova disciplina olimpica? Non proprio. Tra scandali e dichiarazioni più o meno piccanti, i riflettori sembrano puntati sugli atleti non solo sulle piste o nelle vasche ma anche sotto alle lenzuola.
Sono 150mila i preservativi messi a disposizione degli abitanti del villaggio olimpico – alla faccia dei record! – … e pensare che nel 1998, a Seul, ne furono distribuiti solo 8500: quindici per ogni atleta, con possibilità di richiederne di ulteriori nel caso in cui si finisse la propria scorta. Sarà perché da quest’anno è permesso l’ingresso al villaggio olimpico anche ai partner degli atleti?
Non proprio, almeno secondo Iziane Marques, giocatrice della nazionale di basket del Brasile, rispedita a casa per essere stata beccata a fare sesso con il fidanzato.
Non sono mancate le proteste: secondo il portiere della nazionale americana femminile di calcio, Hope Solo, infatti, gli atleti “se la spasserebbero” tra loro, senza incorrere in provvedimenti disciplinari di sorta.
Non se ne preoccupa Federica Pellegrini, che ha dichiarato: Astinenza? Ma siamo matti?

Annunci
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: